E se ti trasferissi a Bagnoli Irpino?

15 marzo 2017 » Alta Irpinia Irpinia Trasferirsi in Alta Irpinia

E se ti trasferissi a Bagnoli Irpino?

Bagnoli Irpino è un comune che affonda le sue origini in tempi antichi, le prime notizie infatti risalgono al VII secolo d.C. che documentano l’esistenza del castello, solo però intorno ai primi del X secolo alcuni abitanti fondarono il primo nucleo abitato. Conserva i resti del castello dei Caveniglia, costruito tra il VII-VIII secolo ebbe lo scopo di protezione dalle incursioni da parte dei nemici, è eretto su tre piani per un’altezza che raggiunge i 15 metri, appartenuto a personaggi come Adenolfo d’Aquino, Francesco Sforza e Cesare Palatucci e in ultimo la famiglia Strozzi che lo ebbe fino all’abolizione dei diritti feudali nel 1806.

Abitato fino intorno alla seconda metà del XIX secolo da famiglie indigenti del posto negli anni cinquanta fu abbandonato definitivamente. Oggi famosa per i suoi tartufi neri, la castagna di Montella e per il lago Laceno merita sicuramente una visita approfondita, oltre al castello sono numerosi i luoghi da visitare. La chiesa Madre Colleggiata Santa Maria Assunta è sicuramente uno dei posti da vedere, databile intorno al 900 è a croce latina e ha tre navate. Subì numerosi danni nel 1651 e venne ricostruito come si presenta oggi e conserva opere importanti come il coro ligneo in cui vi sono rappresentate scene dell’antico e del nuovo testamento oltre che numerose opere di artisti locali.

Altro luogo sacro di particolare interesse e rilievo è il Complesso monumentale di San Domenico, la chiesa è databile 1458 mentre tutto il resto della struttura è sorta intorno al Seicento per volere di padre Ambrogio Salvio che fu confessore di papa Carlo V. Presente un campanile di 30 metri e opere di rilievo di Marco dal Pino da Siena quali la Madonna col Bambino e la Madonna del Rosario. Tra i palazzi antichi spicca senza dubbio Palazzo della Tenta, databile nel Cinquecento fu sede del comune fino a pochi anni fa ora sede di diverse associazioni culturali. Il palazzo venne costruito per ospitare al suo interno fabbriche tessili, visti i considerevoli allevamenti di baco. Il suo nome infatti riporta all’operazione di tingitura.

La fontana del Gianvitone è situata al centro della città, costruita nel 1400 circa sopra cui intorno al 1600 venne eretta una torre con orologio che a metà del novecento è stata modificata dotandola di quattro quadranti nello stile del Razionalismo Italiano. Passeggiando tra le vie del centro cittadino si può notare l’influenza ottocentesca, presenta numerosi palazzi nei pressi della piazza principale, anche se il centro più antico è Rione della Giudecca databile tra il 1300 e il 1400. Non sarà difficile agli occhi del visitatore trovare Bagnoli Irpino un posto incantevole, in cui potranno deliziare non solo gli occhi ma anche il palato durante la sagra del Tartufo e della castagna che si tiene l’ultimo fine settimana di Ottobre.

LIONI s.r.l. - Piazza della Vittoria, 44 - 83047 Lioni (AV)

Telefono: +39 0827 224933

Fax: +39 0827 224933

Mobile: +39 329 6062115